Il Commissariato Generale del Governo coordina e organizza la presenza italiana all’Esposizione Universale di Dubai 2020. Si occupa di gestire in Italia e all’estero, le iniziative e le risorse legate alla partecipazione italiana nonché tutte le iniziative a carattere scientifico, culturale e artistico a sostegno delle finalità dell’evento.

Con tali finalità nonché con lo scopo di adempiere agli obblighi internazionali che discendono dalla Convenzione del 1928 e di gestire il coinvolgimento nel progetto di tutte le realtà nazionali che si attiveranno, con il DPCM 30 novembre 2017 Paolo Glisenti è stato nominato Commissario Generale di Sezione per l’Italia per Expo 2020 Dubai.
Quale primo atto il Commissario generale ha sottoscritto in data 19 gennaio il contratto di partecipazione dell’Italia a EXPO 2020 Dubai, con particolare riferimento alla progettazione e alla successiva realizzazione del padiglione nazionale, su di un lotto di circa 3500 metri quadrati, situato nei pressi dei padiglioni di EAU, Germania, India, Stati Uniti e Arabia Saudita.
Con DPCM del 29 marzo 2018 è stato istituito il Commissariato generale di sezione per la partecipazione italiana a Expo 2020 Dubai composto, oltre che dal Commissario generale, da un Commissario generale di sezione aggiunto, che coadiuva il Commissario nello svolgimento delle sue funzioni, e dal dottor Andrea Marin, Dirigente del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, con funzioni di Direttore amministrativo.

Il Commissariato, così come disciplinato dalla legge 3 giugno 1978 n. 314, che ha modificato il Regio Decreto 13 gennaio 1931 n. 24 di ratifica della Convenzione di Parigi del 1928, in forza della circostanza che i Commissari generali di sezione sono delegati a rappresentare, presso il Governo ospitante, i Governi partecipanti all’esposizione, ed in quanto tale sono qualificabili come Commissari governativi, è dotato di autonomia patrimoniale, organizzativa, contabile e di gestione, potendosi altresì avvalere del patrocinio obbligatorio dell’Avvocatura dello Stato.